WP 2 – Tutela e salvaguardia dei TGA cavallo Napoletano, Persano e Salernitano

PSR Campania 2007-2013 Misura 214

Pagamenti Agroambientali azione "Allevamento delle specie animali locali in via di estinzione"


Responsabile Scientifico
del Progetto:
Prof. Vincenzo Peretti

PDFStampaE-mail

WP 2 – Tutela e salvaguardia dei TGA cavallo Napoletano, Persano e Salernitano

L'importanza di salvaguardare i TGA Cavallo Napoletano, Persano e Salernitano riveste un ruolo fondamentale per almeno due motivazioni: a) genetica, solo un ampio spettro genico è garanzia di una possibilità di evoluzione o di cambiamento in grado di consentire il divenire della vita degli esseri viventi e b) culturale questi animali possono essere considerati alla stregua di beni culturali in quanto costituiscono un patrimonio dello straordinario valore di documentazione, sia storico che biologico, è pertanto dovere della collettività tramandarlo alla generazioni future. Le strategie di salvaguardia suggerite in questo progetto sono sostanzialmente due: in situ ed ex situ. Nella prima la razza resta allevata all’interno della sua area di origine, nel quadro del suo contesto storico, culturale e paesaggistico. Individuare in termini oggettivi le caratteristiche di peculiarità dei TGA, del sistema di allevamento e dell’attitudine, in particolare allo sport equestre ed all’ippoterapia. Nel secondo caso si prevede l’utilizzo delle biotecnologie innovative finalizzate al mantenimento della variabilità genetica entro la razza e il controllo della consanguineità  che mediante la selezione aumenti la variabilità del successo riproduttivo degli animali e quindi la deriva genetica, inoltre modificando il profilo genetico delle diverse razze potremmo aumentare alcune loro specifiche valenze.

Gli obiettivi saranno:

  • Definizione di idonee strategie di salvaguardia della popolazione equina Napoletana, Salernitana e Persana
  • Utilizzo di tecnologie riproduttive avanzate per incrementare il numero di capi presenti attualmente sul territorio.
  • Allestimento di una banca criogenica di materiale seminale, che sarà prelevato da stalloni viventi e crioconservazione degli oociti prelevati esclusivamente da soggetti ormai infertili o, comunque da animali destinati alla macellazione perché anziani, o malati (con problemi all’apparato locomotore).
  • Realizzazione di una banca DNA per la conservazione del germoplasma animale e di sonde molecolari “painting” cromosoma-specifiche
  • Diagnosi di parentela ed analisi citogenetiche per lo studio delle anomalie cromosomiche responsabili di infertilità.
  • Controllo parametri ematici biochimici e cellulari per la valutazione del benessere.
  • Studio comparativo delle proteine del sangue, latte e liquido seminale per le proprietà fisiologiche ed adattative degli animali.
  • Formulazione di diete specifiche, in funzione della tipologia di allevamento e dello sfruttamento per attività sportive o di turismo equestre.

 

Referente scientifico del WP: Giulia Pia Di Meo – CNR-ISPAAM

joomla template